Contenuto principale

TUTTO È POSSIBILE

DIMENSIONE TESTO

Venerdì 9 febbraio 2018, in occasione della imminente “Settimana dello Sport”, sono stati invitati presso il Liceo G.B. Bodoni tre paratleti: Alessandro Bracco, Roberto Casetta e Claudio Mirabile della società P.a.s.s.o. (promozione attività sportiva senza ostacoli).

Tutti costretti alla sedia a rotelle ormai da anni, hanno raccontato ai ragazzi com'è cominciata questa loro avventura, precisando di aver trovato il coraggio di procedere proprio nell'attività sportiva: basket, tennis, handbike, sci e hockey, tutto è possibile. A premiarli, sono arrivati anche i risultati: Claudio, per ben due anni consecutivi, ha conquistato il secondo posto alla maratona di Venezia, nel 2013 appena dietro al grande Alex Zanardi.

Possiedono auto e arredamenti modificati, adeguati per renderli più autonomi possibile. Hanno famiglia e sono tutt'altro che diversi: "Ognuno di noi è un diversamente abile, perché ciò significa avere abilità diverse, non non averle!" .

Si è insistito molto anche sulla questione "barriere architettoniche" ma, soprattutto, "culturali" e sulla noncuranza, partendo dalla mancata disponibilità dei parcheggi appositi, spesso occupati da ignoranti.

"Da qui, le persone non vengono più guardate negli occhi", vero, cambia la prospettiva e il punto di vista su parecchi punti: tuttavia, alla domanda di uno/a studente/ssa "Fosse possibile riavvolgere il nastro, cambiereste la vostra vita?", nessuno ha vacillato, dando risposta negativa. Uno di loro, Roberto, ha riportato il chiaro esempio di sua figlia, la quale gli ha domandato della sua disabilità a soli otto anni, senza mai dare peso al particolare.

È stato una testimonianza lampante di forza interiore e volontà, sostenuta sicuramente dalla vicinanza di amici e parenti e dall'importante aiuto fornito dallo sport, punto di incontro, fonte inesauribile di vita.

Anna Tardivo
II Classico
Liceo Bodoni - Saluzzo