Contenuto principale

IL TOUR IN CAMPANIA DI “BULLI A METÀ”

DIMENSIONE TESTO


Si è appena concluso il tour in Campania di “Bulli a Metà” che ha visto impegnati il regista, gli attori principali e la rappresentanza del Liceo G. B. Bodoni nelle giornate del 20 e 21 aprile.
Altra splendida uscita nazionale che va ad aggiungersi alle precedenti di Varese, Bari, Lecce e Roma. Davide Mogna, nel ruolo di sceneggiatore, regista, attore protagonista ed editor del film, Virginia Riolfo e Lorenzo Rebufatti, attori co-protagonisti, Lorenzo Rubini, preside dell’istituto saluzzese, sono partiti da Torino la mattina del venerdì diretti a Salerno.

 

Dopo più di 900 km percorsi con il Frecciarossa, ad accogliere il gruppo uno dei lungomari più lungo d’Italia, gelato, aria, sole e il profumo dell’estate, che sulla costiera amalfitana è già iniziata da due settimane. Ma soprattutto, ad aspettarli fuori dalla stazione ferroviaria, il Prof. Luigi Albano e la Prof.ssa Assunta Di Nunzio, che si sono occupati prima e durante dell’organizzazione della trasferta facendo da tramite tra il Liceo Bodoni e le scuole e i comuni campani. Rigenerati dalla vista del mare e ancor più dal calore umano fin dal primo istante dimostrato dai padroni di casa, Davide Mogna e compagni si sono preparati per la proiezione serale nel comune di Roccapiemonte, poco distante dal capoluogo provinciale. A seguito della visione del film il pubblico ha assistito agli interventi del Maresciallo dei Carabinieri Michele Di Mauro, il sindaco Carmine Pagano, gli assessori per le politiche sociali e sanitarie Annabella Ferrentino e Daniemma Terrone, la Dott.ssa Viviana Bevilacqua e il Prof. Gennaro Sammartino, che hanno interloquito con i tre ragazzi e il dirigente Lorenzo Rubini. La serata si è conclusa davanti ad un’incantevole pizza, all’insegna della fantastica cucina salernitana. Il giorno dopo è seguita la proiezione per l’istituto agrario Papa Giovanni Paolo II di Castel San Giorgio nell’aula consiliare del Comune. Anche questa volta l’evento è stato arricchito dal dibattito guidato dalla Dott.ssa Rossella De Vivo e, come la sera precedente, dal Prof. Luigi Albano tra gli ospiti saluzzesi e il sindaco Paola Lanzara, l’assessore alla cultura, all’istruzione e alle politiche sociali Antonia Alfano, il dirigente del Profagri Alessandro Turchi e la Prof.ssa Assunta Di Nunzio.
Arrivati alla soglia delle 50 proiezioni è significativo constatare come il bullismo sia davvero un problema di primissimo piano nella nostra società, principalmente per due motivi: viaggiando su e giù per lo stivale e toccando molte città italiane, anche distanti fra loro, ci si rende conto di come fenomeni del genere siano diffusi a macchia d’olio sul territorio e si manifestino con esiti simili. Inoltre, anche se il bullismo nasce e dilaga negli ambienti giovanili e frequentati dagli adolescenti, coinvolge tutte le fasce d’età, evidenziando molte difficoltà anche per gli adulti nell’affrontarlo. “Bulli a Metà” ha dato luogo a profonde e obiettive riflessioni da parte del pubblico campano e degli esperti che hanno espresso il loro punto di vista.
Si ritorna in Piemonte con 200 spettatori all’attivo in più e la speranza di aver dato un ulteriore piccolo contributo alla soluzione di questo problema sociale.
Lorenzo Rebufatti
II Classico
Liceo Bodoni - Saluzzo