Contenuto principale

UNA NUOVA ESPERIENZA: L’ARCHEOLOGIA

DIMENSIONE TESTO


Il giorno 28 Maggio, tre classi del Liceo Classico Bodoni di Saluzzo hanno partecipato ad una conferenza sul tema dell’archeologia, presieduta dal dott. Mario Busatto.
Egli è uno dei soci più assidui del GAT, Gruppo Archeologico Torinese, formato da volontari, che operano al servizio della cultura, in particolar modo dell’archeologia.

Dopo un breve discorso introduttivo, tenuto dal Preside, la conferenza ha avuto inizio.
Si è parlato di due città, diverse tra loro, collegate a due concetti altrettanto diversi ma complementari, il titolo della conferenza era: “OTIUM et NEGOTIUM, ITALICA E BAELO CLAUDIA”.
Il concetto di otium, cioè dedicare forze e tempo allo studio di tutto ciò che è frutto di sperimentazione, riflessione, invenzione è stato collegato alla città di Italica (colonia romana nei pressi di Siviglia).
Italica fu infatti una città ricca, trionfo di bellezza ed eleganza, creata nel 206 a.C. da P. Cornelio Scipione, per essere un ospedale sanatorio-convalescenziario per i soldati feriti nella battaglia di Ilica (206 a.C.).
Resa famosa dalla nascita nel suo territorio di ADRIANO e TRAIANO, imperatori romani, fu arricchita di elementi architettonici come anfiteatri, templi, la Casa del Planetario, quella di Ilas e domus con splendidi mosaici. In essa non c’erano guerre o rivolte, era abitata in maggior parte da funzionari, non era quindi da difendere.
Alla città di Baelo Claudia è collegato il concetto di negotium, tutto ciò che è riferito alle attività lucrative. La città, in prossimità della costa meridionale della Spagna, si basava su pesca e commercio di pesce fresco o lavorato per ottenere una salsa (GARUM). Essa era più povera rispetto a Italica, ma comunque ricca di elementi quali un foro, terme, un acquedotto, templi come quello di Iside e un museo con statue di ispirazione ellenistica. Mai saccheggiata e da sempre esposta alla luce.
Alla fine della spiegazione ci sono state delle domande riferite in larga parte al progetto del GAT di creare un campo estivo a tema archeologico, che dal prossimo anno sarà valido anche come alternanza scuola lavoro: una settimana in Calabria, per un’esperienza sul campo di archeologia, operando negli scavi anche per diverse ore sotto la guida di personale esperto della locale Sovrintendenza.
La conferenza è stata molto piacevole, interessante e ricca di immagini esplicative.

C.B. - A.F.
Liceo Bodoni - Saluzzo